mercoledì 6 febbraio 2008

MAGNA CINA ? .... NO! Magna LA Cina !

"Gentile Pubblico e Gentile Privato" ....(nobile citazione)

Per chi non apprezza il mistero che aleggia (insieme all'odore di fritto) intorno ad una cena cinese al ristorante, per chi non sa vivere con il dubbio che accompagna le statistiche dell'assoluta mancanza di cani e gatti randagi nei paraggi dei ristoranti cinesi , per chi si e' chiesto piu' di una volta come mai non si sia mai visto un funerale cinese (nonostante siano numerosissimi gli immigrati cinesi nel nostro paese) , per chi ascolta le leggende metropolitane e per mio cuggino che una volta ha visto uscire un ragno da un tronchetto della felicita'...(in 60 piccoli e comodi passi...)

Insomma per tutti quelli a cui piace il cinese ma non possono o non vogliono andare al ristorante ecco la prima puntata del

"Mangio Cinese ma il menu' me lo scrivo io, senza errori di ortografia..."

Involtino PrimaveLa!

Cosa PLocuLaLsi:
(per circa 9 involtini)

2 bicchieri di farina 00
3 bicchieri d'acqua
Sale
Funghi (secchi o cinesi o come cavolo volete voi)
100 gr di germogli di Soia
1 Piccolo Porro
1 Carota
100 gr di Pollo
Olio di semi ( se di arachide ancora meglio)
Salsa di soia
Maizena ( o altro addensante tipo la frumina)
Brodo di pollo o vegetale
Piccolo Cavolo
sake o brandy


OpeLaLE:

PASTA

  1. Iniziamo la preparazione partendo dalla pastella che ci servirà per creare la sfoglia che avvolge i nostri involtini.Mescoliamo in una ciotola farina acqua e sale, fino ad ottenere un impasto senza grumi leggermente liquido.Se troppo denso aggiungete acqua, il quanta lo capirete dopo aver cotto la prima crepes. Lasciamo riposare per un’ora.
  2. Scaldiamo una piastra e ungiamola con dell’olio di semi (una padella per le crepes andrà più che bene) se riusciamo usiamo un panno imbevuto nell'olio per farlo in modo omogeneo e con poco olio. Non appena la piastra sarà molto calda, con un mestolo prendete un po’ dell’impasto e versatelo, cercando di ottenere una sfoglia tondeggiante. Se non si riesce a spandere bene la pasta abbassate un po' il fuoco. oppure aggiungete acqua, senza esagerare. Non cuocete troppo senno' vi diventano rigide e non potrete piegarle.

RIPIENO

  1. Fate una salsina con un cucchiaio di salsa di soia, un cucchiaio di zucchero e 2 cucchiaini di maizena. Tagliate il pollo a strisce o dadini e fatelo marinare per 20 minuti sotto questa salsina.
  2. Ora in una padella fate rosolare il porro tagliato julienne, le striscie di funghi e prima che bruci aggiungete il pollo. Dopo un 3 o 4 minuti potete aggiungere i germogli di soia (sciacquati se arrivano dal barattolo ) e a seguire la carota e il cavolo sempre tagliati julienne.
  3. versate un bicchierino di sake' o di brandy e fatelo sfumare.
  4. aggiungete ora una salsa composta da 3 cucchiai di salsa di soia, 1 cucchiaio di olio , mezzo bicchiere di brodo(di pollo o vegetale) 1 cucchiaio di zucchero sale pepe e 1 cucchiaio di maizena.
  5. Fate legare il tutto e alla fine lasciatelo riposare e raffreddare.

ARROTOLAZIONE :-)

  1. questa e' la parte dura :-) . Prendiamo adesso le nostre sfoglie e, su ognuna di esse stendiamo un po’ del ripieno appena preparato.Per dare agli involtini la loro caratteristica forma, pieghiamo i bordi verso l’interno, quindi arrotoliamo.Per chiudere il tutto utilizziamo una colla fatta con: 1 parte di farina, 1 parte di acqua fredda , 2 parti di acqua calda.
  2. Cospargiamo le aperture con questo composto per sigillare i nostri involtini.

COTTURA

  1. friggiamo in abbondante olio di semi utilizzando una padella larga o il wok (se siete sboroni...)

MANTECAZIONE

  1. 'Che ?! Devo insegnarvelo mica io........no?

3 commenti:

ItalianFoodFinder ha detto...

Io pensavo che fossero dei sacchetti di carta ripieni di cavolo....

David ha detto...

italianfoodfinder, io ricordo anche delle macchioline arancioni, che la ricetta mi conferma esser carote...

cgabba ha detto...

Direttamente da "La cucina secondo Luciano Tze"